www.fulviomartini.com

www.fulviomartini.it

www.innaturalismo.com

The Unnaturalist Manifesto
Unnaturalism is the representation of a human beings and humanity for what they are, i.e. as they slowly descend into unnaturalness, as they have been doing for the past fifteen thousand years.
Unnaturalism means showing, without empty hopes, without pietistic compromise and without romantic interpretations, the abyss of nothingness into which men and women have fallen, dragging with them everything in their radius.
Unnaturalism means therefore to highlight what is ugly as what is beautiful has disappeared from the world and where it may still survive it would not in any case intelligible by modern human beings.
The unnaturalist artist, who chooses to be blissfully oblivious to the sadness that this generates in sensitive persons, does not put forward any solution because this regress is unstoppable. However, such artists mirror and faithfully record the numerous aspects and mutating forms – ordinately chaotic and chaotically ordered, emptied of fullness and full of emptiness, unhappily gay and gaily unhappy, passively active and actively passive – which an imprisoned humanity has displayed in recent times.

La pittura di Fulvio martini

Arthur Miller si chiedeva : cos’è il giornale? E’ una Nazione che parla a se stessa.Allora se io mi chiedessi cosa sia la satira potrei rispondere: è una Nazione che si guarda allo specchio ed è capace di vedere quei difetti che possiede e che, solo lo specchio può rilevare. Spesso l’immagine viene guardata di sfuggita,si coglie il singolo episodio, ciò che si sottrae alla normalità, l’imperfezione e la risata, il sorriso è liberatorio, catartico, anche propedeutico alla speranza che l’eccezione sarà sostituita dalla regola.

Le rappresentazioni di Fulvio Martini non sono flash ironici e satirici sulla società, che sono sempre esistiti, fin dai tempi delle antiche civiltà Greca e Romana.
Rappresentano,invece, il racconto del divenire di una Società in cui l’eccezione è divenuta regola.
Come gli uomini e le donne di Botero sono ladri dello spazio che tendono ad occupare con i loro corpi, così i personaggi rappresentati da Fulvio sono ladri d’aria, dell’elemento che garantisce la loro sopravvivenza in una contesa per consumare sempre di più ciò che li circonda. E questi uomini consumano anche secoli di civiltà e cultura.
L’uomo ha impiegato millenni per umanizzare istinti e comportamenti “naturali” ed animali ed ora assistiamo impotenti all’egoismo di una Società capace solo di chiedere.
Tre sono i principali bersagli di Fulvio :la politica, la religione, il comportamento umano.
Secondo Platone "la politica è il luogo della decisione ".Oggi si assiste alla transizione al luogo della rappresentazione. L’arte del governare è stata sostituita dall’arte della convinzione poiché il vero luogo della decisione è l’economia, a braccetto con la tecnologia. La politica, orfana della sua funzione più nobile, diventa solo occasione di tornaconto personale o di gruppi più o meno organizzati e vuoto blaterare non di suoni ma di futili “bolle di sapone”.
Anche la religione, nata come esigenza di vita in comune, di ecclesia, nel senso di assemblea di invitati e convitati, finisce per Fulvio, per divenire estranea all’uomo, incompresa, tiranna perché lontana dalle sue necessità,cessa di avere funzione educativa per rivelarsi repressiva.
La Società finisce per ridurre l"essere" ad una successione infinita del sembrare.
La vita viene vissuta come un Carnevale, con una serie infinita di maschere, una sul lavoro, una in famiglia, una nel tempo libero.
Le mode, le usanze, gli atteggiamenti fra coloro che di volta in volta si incontrano sono aspetti e “commedie” di gruppo in cui trasferire il proprio vuoto e le proprie paure.
E’ la perdita dell’individualità,l’omologazione per non essere emarginati, la ricerca e la difesa di egoistici privilegi da parte di individui e gruppi di potere, il vero filo conduttore della pittura di Fulvio.

  • Age: 60
  • Joined: November 2009
desktop tablet-landscape content-width tablet-portrait workstream-4-across phone-landscape phone-portrait
desktop tablet-landscape content-width tablet-portrait workstream-4-across phone-landscape phone-portrait